Last minute e Promozioni

OFFERTA WEEKEND

2 NOTTI € 60.00

› richiedi disponibilità



Home: itinerari culturali

In Umbria: itinerari culturali
L'Umbria offre molteplici e variegati itinerari. Di notevole consistenza storico-culturale, è efficacemente contrassegnata da un'immagine di pace e di tranquillità, di paesaggi di dolci e verdi colline connotati dall'impronta medievale, romana, etrusca. Regione di grandi collezioni d'arte e minuscoli musei locali documentano un immenso giacimento culturale impreziosito da fenomeni artistici quali Pietro Vannucci detto "Il Perugino" o da una notevole tradizione religiosa e spirituale dando i natali a grandi personalità diffondendosi ben oltre i confini regionali.

Nelle immediate vicinanze: La Valnerina
La Casa Vacanze "Agrifoglio" e l'Agriturismo "Il Boschetto" si trovano tra Spoleto, Norcia e Cascia. Fin dall'antichità la Valnerina è stata una frequentata via di comunicazione fra il Tirreno e l'Adriatico. Numerosi centri caratterizzano questo percorso: Triponzo sorge a 420 metri di altitudine e prende il nome dai tre ponti che attraversano il Nera, Il castello medievale che domina la piana circostante, conserva ancora la cerchia di mura turrite a pianta rettangolare e un alto torrione trecentesco residuo della rocca. Famose sono le acque sulfuree di Bagni di Triponzo già note in epoca romana. Preci è sorto nel duecento come castello di pendio distrutto per due volte dai nursini (XVI secolo). Nella parte più alta sorge la parrocchiale di S. Maria caratterizzata da un portale trecentesco in facciata e da un secondo portale del secolo successivo ma con elementi precedenti. L'Abbazia di S. Eutizio nel X secolo doveva già costituire il principale centro politico ed economico della zona e, fino al XII secolo il monastero benedettino seppe accrescere l'estensione dei suoi possedimenti. Proprio in questa abbazia proverebbe uno dei più antichi documenti in volgare conosciuto e datato alla fine dell'XI secolo.
Norcia sorge ai margini dell'ampia fertile piana di Santa Scolastica. La famosa piazza intitolata a S. Benedetto (nato attorno al 480 e patrono d'Europa), fondatore del monachesimo in Occidente. Nella piazza la Chiesa venne eretta forse in età alto-medievale sulla casa dei genitori del santo, come tramanda la tradizione. Ristrutturata più volte, conserva la facciata dell'edificio trecentesco, ricostruita dopo il 1859 solo nella parte superiore e aperta da un bel portale gotico con rilievi e imposte del 1578. Sul fianco destro si allunga il cinquecentesco portico delle Misure, sotto il quale sono esposte, su un banco di pietra, nove misure locali antiche per cereali. All'interno una Madonna e santi nursini di Vincenzo Manenti. La Castellina di mole possente, venne fatta costruire da Giulio III come residenza fortificata dei governatori apostolici su progetto del Vignola (1554). Dal 1967 ospita il Museo civico-diocesano con opere di pittura e scultura provenienti da Norcia e dal suo territorio. Tra le opere ricordiamo alcuni autori come Nicola da Siena, Giovanni Dalmata.

La Via Flaminia: Spoleto, Foligno.
Spoleto, affascinante non solo per i suoi monumenti illustri, ma dal rapporto speciale con la natura che la circonda. Città del festival dei Due Mondi ospita numerose chiese, anfiteatri, palazzi tutti più o meno di epoca romana. Il Duomo è un edificio romanico costruito sul finire del XII secolo. Appena si entra nella piazza è impossibile non ammirare la grande rosa centrale della facciata o il poderoso campanile fino al magnifico portale romanico. Foligno è una delle poche città umbre di pianura. Piazza della Repubblica con l'adiacente Piazza del Duomo è il centro vitale della città. Pochi lo sanno ma la prima edizione della Divina Commedia fu stampata nella città della Giostra della Quintana nel 1472. Trevi, famosa per i suoi olivi offre scenari davvero unici per il fatto di essere arroccata su un colle a dominio della piana spoletina. Storia, arte e cultura caratterizzano questo centro davvero incontaminato.

Da Foligno a Perugia
Montefalco definita "la Ringhiera dell'Umbria" perchè domina da un colle le pianure del Topino e del Clitunno offre dei panorami di straordinaria bellezza. Propone tra le altre cose gli affreschi di Benozzo Gozzoli nella chiesa di San Francesco oggi documento di grande interesse nel panorama umbro dei beni culturali. Spello, antico borgo collinare, conserva più di ogni altro luogo umbro tracce della presenza romana. Assisi è meta ogni anno di milioni di turisti per la sua unicità. Appena si entra nella città si è investiti inevitabilmente da una atmosfera francescana. I suoi monumenti impreziosiscono ogni angolo dei suoi vicoli. Le Basiliche Superiore e Inferiore con gli affreschi di Giotto sono un punto di riferimento sia urbanistico che artistico che spirituale. Perugia è capoluogo di regione e presenta molteplici sfaccettature sia da un punto di vista storico-culturale che urbanistico con i suoi percorsi pedonali meccanicizzati. La Rocca Paolina, fortezza voluta da Papa Paolo III Farnese alla metà del Cinquecento e progettata da Antonio da Sangallo, la Galleria Nazionale Umbra con gli affreschi del Perugino , le vie del centro storico entro le mura etrusche, la Fontana Maggiore sono tra le mete da non perdere.

Gli altri centri dell'Umbria
Con del tempo a disposizione si possono visitare tra i numerosi centri storici mete turistiche come Orvieto, Todi, Gubbio, Città di Castello e la zona del Lago Trasimeno.